Inceneritori, il Ministero dovrà indicare dove e quanti costruirne

Una sentenza del Tar Lazio obbliga il Ministero della Transizione Ecologica a riscrivere il decreto attuativo dello ‘Sblocca Italia’ che dovrebbe indicare quali e quanti impianti realizzare per soddisfare il fabbisogno di incenerimento delle Regioni. Tutto l’opposto di quanto previsto dal Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti Continua a leggere Inceneritori, il Ministero dovrà indicare dove e quanti costruirne

Rifiuti, Assoambiente: “Bene Programma Nazionale, ma rivedere limitazioni al mercato”

La proposta di Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti incassa il plauso di Assoambiente, che però nutre dubbi sulla limitazione alla circolazione dei rifiuti organici da avviare a recupero. Testa: “Assicurare il criterio di specializzazione impiantistica” Continua a leggere Rifiuti, Assoambiente: “Bene Programma Nazionale, ma rivedere limitazioni al mercato”

Programma nazionale rifiuti, Utilitalia: “Bene analisi dei flussi, ma dubbi su limitata cogenza”

Secondo Utilitalia la proposta di Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti è basata su “conoscenze tecniche e scientifiche”: bene l’analisi dei flussi e l’applicazione del metodo LCA, ma resta qualche dubbio sul ruolo delle Regioni e sulla natura poco cogente dello strumento. Giudizio sospeso sui criteri per il raggiungimento dell’autosufficienza per l’organico Continua a leggere Programma nazionale rifiuti, Utilitalia: “Bene analisi dei flussi, ma dubbi su limitata cogenza”

Energia, Quagliuolo: “Dal CSS potere calorico per due o tre centrali elettriche”

Secondo Corepla nel 2020 il recupero energetico del plasmix ha generato 183 GWh di energia elettrica, pari a quella prodotta da un impianto fotovoltaico grande quanto 204 campi da calcio. Ma il 32% è finito all’estero. Quagliuolo: “Un delitto non sfruttare questa risorsa” Continua a leggere Energia, Quagliuolo: “Dal CSS potere calorico per due o tre centrali elettriche”

Rottami, la minaccia turca spinge il governo al giro di vite sull’export

Dal decreto ‘Ucraina bis’ un disincentivo all’export di rottame di ferro verso Paesi non Ue. Nel 2020 appena 450mila le tonnellate esportate, ma la misura punta soprattutto a contenere il rialzo dei prezzi trainato dalla domanda della Turchia Continua a leggere Rottami, la minaccia turca spinge il governo al giro di vite sull’export