Biometano, le clausole anti inflazione sbloccano gli incentivi

Pubblicata la graduatoria del terzo ciclo di incentivi PNRR per il biometano: assegnato un coefficiente superiore al totale delle prime due tranche, segno che le clausole anti inflazione hanno funzionato. Ma a impedire il decollo del meccanismo di sostegni restano le tempistiche serrate e i nodi delle connessioni. Prossima gara al via il 3 giugno, estesa anche al revamping di impianti a biogas da rifiuti

L’economia circolare vale il 2,5% del PIL, ma sta rallentando

Stando all'ultimo rapporto del Circular Economy Network l'Italia resta prima tra le economie europee per circolarità, ma continua a perdere terreno

Industria, Italia ai vertici in Ue per efficienza ed emissioni. Ma la burocrazia frena il percorso

L'industria italiana vanta performance di primo piano in termini di efficienza dei processi e di decarbonizzazione, spiega ISPRA. Anche grazie al recupero degli scarti. Che però non riusciamo ancora a ...Leggi

Export di rifiuti, ecco perché il regolamento Ue non si applicherà all’end of waste

Il nuovo regolamento europeo sulle spedizioni di rifiuti darà una stretta alle esportazioni verso paesi terzi, ma non si applicherà alle materie prime seconde prodotte nel rispetto della disciplina end of waste. "Grazie all'impegno del governo siamo riusciti a far valere uno strumento cardine dell'economia circolare", spiega il direttore generale di Unirima Francesco Sicilia

G7, nell’intesa sul phase out del carbone c’è anche tanta economia circolare

L'intesa raggiunta al termine del G7 di Torino ha nel phase out del carbon fossile il suo passaggio più ambizioso, ma nei 45 punti del comunicato finale c'è anche tanta ...Leggi

Spedizioni di rifiuti, dal 21 novembre 2026 stop all’export di plastica verso paesi non OCSE

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la riforma del regolamento Ue sulle spedizioni di rifiuti: via al periodo transitorio di due anni, al termine del quale scatterà la messa al bando delle ...Leggi

G7 clima e ambiente: così l’Italia metterà l’economia circolare al centro delle trattative

Unire competitività e sostenibilità, sicurezza degli approvvigionamenti e riduzione dell'impronta ambientale della produzione industriale: l'Italia punta a fare dell'economia circolare il minimo comune denominatore dei negoziati del G7. Forte dei propri comparti d'eccellenza, a partire da quello degli imballaggi, che grazie al riciclo nel 2022 ha garantito un taglio di 10 milioni di tonnellate di CO2. Il punto in occasione di un evento di avvicinamento al vertice di Torino promosso da Globe Italia

Abiti usati, le imprese: “Filiera italiana a rischio collasso”

La filiera italiana degli abiti usati è un'eccellenza di livello continentale, dicono i numeri. Ma rischia il collasso per l'aumento dei costi di gestione delle frazioni non riutilizzabili. Anche perché ...Leggi

TARI e ‘impianti minimi’, ANCI al governo: “Intervenire al più presto”

Sfumati gli emendamenti al decreto PNRR i Comuni tornano a sollecitare l'intervento del governo chiedendo la proroga dei tempi di presentazione delle tariffe rifiuti, almeno al 30 giugno, e una ...Leggi

Amianto, la guerra alla fibra killer arranca tra pochi impianti e nodi burocratici

A oltre trent'anni dalla messa al bando dell'amianto in Italia, restano 40 milioni di tonnellate di materiali contaminati da rimuovere. Ma le bonifiche rallentano a causa della insufficiente dotazione di impianti, che gonfia i costi di gestione e alimenta fenomeni di illegalità. Nel frattempo, di amianto, l'Italia continua ad ammalarsi