Spazzamondo

“Spazzamondo”, a Cuneo una giornata per ripulire l’ambiente dal littering

Sono già 150 i Comuni che hanno aderito all’iniziativa per ripulire il territorio e sensibilizzare sul gravoso problema dell’abbandono dei rifiuti

Sensibilizzare la comunità sulle tematiche ambientali per contrastare le attività di abbandono incontrollato dei rifiuti è l’obiettivo di “Spazzamondo. Cittadini attivi per l’ambiente”, l’iniziativa partita da Cuneo, prevista per il prossimo sabato 5 giugno 2021 e promossa dalla Fondazione CRC. Salvaguardare e valorizzare la natura si può solo coinvolgendo l’intera filiera con un lavoro congiunto e collaborativo di cittadini, enti locali, associazioni e consorzi. Sono 150 i Comuni della provincia di Cuneo aderenti al progetto, diffusi su tutto il territorio provinciale: dalle aree urbane (Cuneo, Alba, Bra, Mondovì, Fossano, Saluzzo e Savigliano), fino alle zone collinari e alla montagna.

Spazzamondo ha visto in queste settimane una grande adesione da parte dei Comuni della provincia di Cuneo e costituisce un’occasione importante per promuovere la partecipazione attiva delle comunità e la salvaguardia dell’ambiente, temi che la Fondazione ha individuato come centrali nel proprio Piano Pluriennale 2021-2024 intitolato + Sostenibilità, + Comunità, + Competenze”, dichiara Ezio Raviola, Vice Presidente della Fondazione CRC. “Invitiamo tutti i cittadini a iscriversi sul sito dedicato all’iniziativa, www.spazzamondo.it, sicuri che saremo in tanti, la mattina di sabato 5 giugno, a partecipare a Spazzamondo”.

Inoltre, ad ogni cittadino che parteciperà all’evento, sarà consegnato un kit personalizzato composto da sacchetti per la raccolta dei rifiuti, guanti, pinze, t-shirt e cappellino. Alla fine delle operazioni di raccolta, previste dalle ore 9:00 fino alle 13:00, i rifiuti saranno poi conferiti presso i quattro consorzi impegnati nelle attività di smaltimento. In palio non solo un ambiente più pulito, ma anche un fondo complessivo di 21mila euro messo a disposizione dalla Fondazione CRC da destinare ai nove Comuni, suddivisi per fasce di residenti, che avranno coinvolto il maggior numero di persone nell’iniziativa.

Una giornata, dunque, dedicata alla raccolta dei rifiuti che mira non solo a ripulire il territorio, ma soprattutto a coinvolgere e sensibilizzare sul gravoso problema dell’abbandono. “È un meccanismo a cascata – spiega Saverio Dani della Fondazione CRC – perché a partire dai Comuni riusciremo a coinvolgere i cittadini che partecipando attivamente alla giornata, a loro volta, anche grazie ai social network potranno testimoniare le attività svolte, favorendo non solo la conoscenza dell’esperienza, ma anche rendendola replicabile. L’intento è da un lato riuscire ad avere un impatto nell’immediato, riducendo in maniera sensibile i rifiuti abbandonati per strada, dall’altro sensibilizzare e coinvolgere i cittadini per essere più responsabili nei confronti dell’ambiente”.

Non mancherà nella giornata di pulizia ambientale Roberto Cavallo, l’ormai noto eco-atleta impegnato da anni nel progetto Keep Clean and Run, una corsa per tenere l’ambiente pulito. “Sono molto orgoglioso di poter contribuire alla diffusione di questo appuntamento organizzato dalla Fondazione CRC, perché accanto a moltissime iniziative personali o di organizzazioni di volontariato, a partire da Legambiente, che da anni promuovono azioni di pulizia, è la prima volta, a mia memoria, che un’istituzione riesce a coinvolgere su uno stesso territorio un numero così alto di amministrazioni pubbliche. Abbiamo bisogno tutti insieme di invertire la rotta e lasciare un pezzo di mondo migliore di come lo abbiamo trovato”, commenta Roberto Cavallo, Amministratore delegato di E.R.I.C.A. Coop. Soc.

Il progetto si inserisce nell’ambito di Let’s Clean Up Europe, promosso dalla SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) all’interno del Programma LIFE+ della Commissione Europea, la campagna europea contro il littering con l’obiettivo di generare una coscienza collettiva sulla riduzione, sul riuso e sul riciclo dei materiali, con il coordinamento provinciale della Protezione Civile di Cuneo, l’Anci Piemonte, l’Uncem Piemonte e la Cooperativa Erica di Alba. L’iniziativa europea è coordinata da AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) su mandato del Comitato Promotore Nazionale (composto da CNI Unesco, Ministero della Transizione Ecologica, Regione Siciliana, ANCI, Città Metropolitana di Torino, Legambiente, Utilitalia, ERICA Soc. Coop).

“L’iniziativa promossa da Fondazione CRC va nella direzione di valorizzare l’impegno e la partecipazione civica a favore dei beni comuni. L’adesione così rilevante delle Amministrazioni del territorio testimonia l’attenzione al tema ambientale e rappresenta un incentivo alla partecipazione dei cittadini nella tutela e salvaguardia delle comunità locali. Siamo orgogliosi di poter contribuire a questa mobilitazione, grati a Fondazione CRC ed ai tanti soggetti che hanno deciso di mettersi in gioco”, sottolinea Michele Pianetta, Vice Presidente Anci Piemonte.

Spazzamondo è un’iniziativa concreta e di sensibilizzazione importante per tutti i territori, in particolare per i Comuni montani che hanno territori molto estesi nei quali il problema dell’abbandono dei rifiuti è davvero presente e sentito”, conclude Giorgio Ferraris, Componente Giunta dell’UNCEM Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *