PLASTICHE MONOUSO

Ue, dal 2021 addio alle plastiche monouso

Stop alle plastiche monouso. I Paesi dell’Unione Europea, secondo la direttiva SUP, dovranno vietarne l’uso recependo la legge entro luglio 2021 per evitare una procedura d’infrazione.

Un anno di svolta nella lotta all’inquinamento da rifiuti plastici in Ue. Passerà alla storia così questo 2021 appena cominciato, come l’anno in cui i Paesi dell’Unione hanno detto definitivamente addio alle plastiche monouso, abbracciando al tempo stesso modalità più sostenibili di produzione e consumo dei beni in materiali polimerici, imballaggi su tutti. In realtà la cosiddetta direttiva SUP, single use plastics, che dà forma alla strategia anti-plastica dell’Ue è entrata in vigore già lo scorso luglio con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale europea, ma gli Stati membri sono tenuti a recepirla entro il luglio di quest’anno, pena l’apertura di una procedura d’infrazione.

Secondo la direttiva SUP, i Paesi dell’Unione dovranno vietare per legge l’uso di un lungo elenco di articoli: dalle posate monouso (forchette, coltelli, cucchiai e bacchette) ai piatti monouso, passando per cannucce, cotton fioc, bastoncini per palloncini e plastiche ossi-degradabili, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso. Allo stesso tempo la direttiva introduce obblighi più stringenti per la gestione del fine vita degli imballaggi: il 90% delle bottiglie di plastica dovrà essere raccolto dagli Stati membri entro il 2029 mentre le bottiglie di plastica dovranno contenere almeno il 25% di contenuto riciclato entro il 2025 e il 30% entro il 2030.

In Italia il disegno di legge di recepimento della direttiva SUP è ancora all’esame del Parlamento e potrebbe introdurre misure addirittura più stringenti rispetto a quelle contenute nella direttiva Ue, come la messa al bando dei bicchieri in polipropilene prevista da un emendamento approvato al Senato lo scorso ottobre, mentre sul fronte degli stimoli al riciclo, la legge di bilancio 2021 ha già reso strutturale la misura introdotta in via sperimentale dal decreto legge 104 che riconosce la possibilità di usare fino al 100% di PET riciclato nella produzione di bottiglie in PET.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *