Vittime amianto, ONA: «Stop alle distinzioni»


amianto giugliano

Contenuto a cura dell’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto

L’Osservatorio Nazionale sull’Amianto torna a sostenere che le misure introdotte con la recente Legge di stabilità per il 2016, oltre ad essere disorganiche, sono del tutto insufficienti, in relazione al fenomeno epidemico in corso, con il vertiginoso aumento dei casi di patologie asbesto-correlate. L’ONA, quindi, insiste affinché tutti i lavoratori possano beneficiare del prepensionamento e i malati e i loro eredi possano usufruire del Fondo Vittime Amianto.

«Con la legge di stabilità per il 2016, il Governo nazionale ha introdotto ulteriori modifiche del quadro normativo in materia di benefici amianto e di accesso al Fondo Vittime Amianto, con l’estensione del diritto al prepensionamento per i lavoratori esposti, e gli indennizzi solo per limitate categorie e settori e ciò è inaccettabile, in quanto si viene a determinare una ingiusta e ingiustificata discriminazione, che non ha ragioni oggettive – dichiara l’avv. Ezio Bonanni, presidente dell’ONA ONLUS – pertanto è doveroso che queste misure siano adottate nei confronti di tutti i lavoratori. Proporremo cause pilota per ottenere il rinvio degli atti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea e alla Corte Costituzionale per l’annullamento delle clausole discriminatorie, per realizzare una effettiva e dignitosa parità tra tutti gli aventi diritto. Non c’è distinzione tra un lavoratore esposto e un altro, tra un deceduto per l’amianto respirato e ingerito e un altro».

L’Associazione annuncia quindi la prosecuzione della mobilitazione generale di tutte le sedi territoriali e di tutti gli iscritti e simpatizzanti. Sarà pubblicato un vademecum perché ci sono stretti termini di decadenza, imposti dalle norme, rispetto ai quali è necessario che gli aventi diritto si attivino, secondo le indicazioni che l’Associazione ha riportato nel suo sito internet. L’ONA rende la sua disponibilità ad assistere tutti coloro che vorranno presentare nei termini le domande per accedere alle nuove prestazioni di benefici contributivi per esposizione ad amianto e/o accesso al Fondo Vittime Amianto istituite dalla legge di stabilità per il 2016.

Gli interessati potranno chiedere l’assistenza dell’Associazione inoltrando una e-mail all’indirizzo: osservatorioamianto@gmail.com oppure chiamando al n. 331 98 06 771

Nessun commento

Commenta

Realizzato da