Fanghi in agricoltura, Utilitalia “spinge” il ddl


fanghi in agricoltura

Dopo essere stato licenziato in Commissione Ambiente al Senato, il ddl recante “Delega al Governo per la modifica della normativa in materia di utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura”, primo firmatario il Senatore Luis Alberto Orellana e Relatore il Senatore Stefano Vaccari, attende ancora di essere discusso in aula per l’approvazione definitiva. Utilitalia, la federazione nazionale delle imprese che si occupano dei servizi pubblici idrici, energetici ed ambientali, ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto in una direzione già da tempo auspicata dall’associazione, ma il testo resta in un cassetto di Palazzo Madama.

«Auspichiamo che il Parlamento possa rapidamente approvare tale ddl, perché riteniamo che costituisca un passo avanti verso un aggiornamento normativo divenuto oramai improcrastinabile – si legge in una nota di Utilitalia – non solo perché la norma di riferimento, il D.lgs. 99/92, è una norma datata oltre 20 anni, ma anche in relazione ai diversi pronunciamenti giurisprudenziali intervenuti in materia. Rimaniamo intanto in attesa del decreto ministeriale di aggiornamento degli allegati tecnici della sopra citata norma, che auspichiamo venga pubblicato in Gazzetta quanto prima, in quanto consentirebbe di avere, sin da subito, un primo quadro normativo di riferimento, che è esattamente ciò di cui hanno bisogno le imprese Associate, per poter operare al meglio».

I fanghi di depurazione rappresentano l’inevitabile prodotto del processo depurativo delle acque reflue urbane: se si depura, si producono fanghi. Un’appropriata produzione di fanghi rappresenta dunque la testimonianza del corretto funzionamento di un impianto. Poiché l’allontanamento delle acque reflue ed il loro trattamento rappresentano un’attività di pubblico interesse, tale deve essere considerata, parimenti, anche la gestione ed il recupero/smaltimento dei fanghi contestualmente prodotti.

La produzione totale di fanghi in Italia riportata da ISPRA nel Rapporto Rifiuti Speciali 2017 ammonta a circa 3 milioni di tonnellate (di fango tal quale). Nel 2016 Utilitalia ha prodotto una raccolta dati, presso le proprie Associate, relativa alla produzione di fanghi (riferita al 2015), alla loro destinazione finale e alla loro caratterizzazione qualitativa. Lo studio ha censito una produzione di fanghi pari a 395.132 t di sostanza secca, corrispondenti ad una popolazione complessivamente trattata di 35 milioni abitanti residenti. Considerando una popolazione totale trattata di 75,2 milioni di abitanti equivalenti (dato Istat) l’analisi ha riguardato il 46,5% della potenzialità complessiva di tutti gli impianti di depurazione in Italia. Si può quindi stimare una produzione di fanghi complessiva di  850.000 t (di sostanza secca).

 

Nessun commento

Commenta

Realizzato da