Educazione ambientale: LeoDaVinci presenta la scuola “itinerante”


container-leodavinci

Una scuola “on the road”, per mostrare ai cittadini di domani la via della sostenibilità e insegnare divertendo i vantaggi di un corretto approccio alle risorse naturali, all’ambiente e al territorio. È una delle principali novità che saranno presentate ad Ecomondo 2016, la Fiera della Green Economy in programma a Rimini dall’8 al 11 novembre che quest’anno giunge alla ventesima edizione e di cui Ricicla.tv sarà media partner. Ma di cosa si tratta? Si chiama “Scuola Ambientale DaVinci” ed è un progetto a cura di Scuola-ambientale.it, il portale dedicato alla formazione teorica e pratica antinquinamento del gruppo “LeoDaVinci”, specializzato in tecnologie di pronto intervento ambientale, e coideato da Ricicla.tv aggiungendo un tassello alla mission di formazione e informazione ambientale della testata.

L’idea prende spunto dall’annuncio lanciato dai Ministeri dell’Ambiente e dell’Istruzione mesi fa e che puntava sul 2016 come anno dell’introduzione nelle scuole dell’educazione ambientale come materia obbligatoria da applicare e declinare a ogni ordine e grado di studenti. Non tutte le scuole sul territorio, però, hanno gli strumenti per garantire un’offerta formativa adeguata: e qui nasce l’idea di creare un servizio a disposizione delle amministrazioni e dei singoli istituti scolastici.

«Erano anni che pensavamo ad un progetto congiunto da portare direttamente nelle scuole – spiegano gli ideatori Matteo Pinoia e Giovanni Paone, rispettivamente direttore tecnico di LeoDaVinci e direttore editoriale di Ricicla.tv – poi la pubblicazione delle linee guida da parte del Ministero ha dato alla nostra idea la spinta definitiva. Queste aule itineranti – proseguono – sono state appositamente studiate per essere posizionate nelle scuole, negli asilo e nelle piazze cittadine al fine di spiegare in modo divertente ed imprimente la raccolta differenziata ai bambini ed altre tematiche ambientali». Si tratta sostanzialmente di elementi modulari in grado di ospitare materiale didattico ad hoc sia per gli insegnanti che per gli alunni e che si declinano in tre versioni principali: raccolta differenziata, cultura ambientale e formazione antinquinamento.

«La flotta sarà composta da Aule Didattiche itineranti con tre diverse materie, in modo da accontentare un percorso che andrà dalle scuole elementari alle superiori – spiegano Pinoia e Paone – stiamo ultimando il tutto di corsa, come al solito, ma vi garantiamo che sarà un oggetto estremamente bello ed affascinante, oltre ovviamente alla sua indiscussa utilità». L’occasione di Ecomondo 2016 è ideale per mettere sotto i riflettori quella che si propone come un’occasione per declinare la competenza sui temi ambientali ed in particolare nella gestione dei rifiuti – non senza un pizzico di sano spirito d’impresa – al servizio della formazione delle coscienze “green” dei cittadini del futuro. Proprio per questo l’attenzione è concentrata sui più piccoli e sulle tecniche di comunicazione che meglio possono fare breccia nelle loro coscienze. «Stiamo ultimando la grafica di una famiglia di supereroi che spiegherà ai bambini il perchè fare la differenziata, la seconda vita che avranno i rifiuti e il danno che si perpetra non facendo una giusta raccolta o ancor peggio, abbandonando i rifiuti – raccontano i due imprenditori – ma per ora non vogliamo rivelare nient’altro. Invitiamo tutti a raggiungerci e a scoprire quella che speriamo essere una delle novità più interessanti del prossimo Ecomondo».

Nessun commento

Commenta

Realizzato da