Tutela e rigenerazione del territorio: al via RemTech Expo


tra-i-padiglioni-di-remtech-expo

Da evento di nicchia a manifestazione sempre più internazionale, come dimostra, ad esempio, il ruolo che ha attivamente giocato nel gemellaggio tra la Regione Emilia-Romagna e quella cinese del Guangdong – la più importante provincia commerciale cinese, vera e propria avanguardia nell’innovazione –, sui temi delle bonifiche ambientali e del trasferimento tecnologico. È RemTech Expo, l’appuntamento organizzato da Ferrara Fiere – in media partnership con Ricicla.tv – sulla tutela e la riqualificazione del territorio, che proseguirà fino a venerdì 23 e che oggi è stato inaugurato alla presenza, tra gli altri, proprio di un rappresentante del Guangdong, Li Jintai, Segretario Generale del Consiglio per lo sviluppo e la promozione delle piccole e medie imprese. «Da noi, la protezione ambientale – ha comunicato Jintai – è in crescita del 15% all’anno e c’è un ampio spazio di mercato anche per il riciclaggio, come testimoniano gli ingenti investimenti del Governo nei piani di sviluppo urbano. E grazie a RemTech – ha riconosciuto il Segretario di Canton – abbiamo potuto far incontrare le aziende cinesi e quelle della Fiera, avviare percorsi di business, scambi di conoscenze».

Del progetto di internazionalizzazione di RemTech Expo è sponsor unico la Regione Emilia-Romagna che, per voce del Presidente Stefano Bonaccini, ha sottolineato l’importanza dei temi trattati a Ferrara, a cominciare dalla prevenzione del rischio, compreso quello sismico: «Una volta terminata, credo che la ricostruzione in Emilia sarà considerata esemplare ed è per questo che duecento tecnici e volontari della nostra Protezione Civile erano in centro Italia già poche ore dopo il terremoto dello scorso agosto. In quelle zone stiamo adottando la stessa filosofia che ci ha guidati qui: non deportare la popolazione, ma restituirle i luoghi in cui viveva, lavorava, studiava, pregava, giocava. Domenica prossima – ha concluso Bonaccini – inaugureremo a Montegallo, in provincia di Ascoli Piceno, uno spazio nell’ex campo sportivo dove troveranno posto il municipio, la scuola, la farmacia. Il grande cuore dell’Emilia sarà fino alla fine».

Alla legge 68 sugli ecoreati, che domani sarà al centro di un convegno e venerdì verrà declinata in un seminario sul sistema di prevenzione degli illeciti ambientali (attese oltre trecento persone, in rappresentanza delle Forze dell’Ordine), si è richiamato l’on. Alessandro Bratti, Presidente della Commissione Bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, parlandone come di una «grande conquista, ottenuta dopo ben ventuno anni», e auspicando che RemTech possa servire anche «per dare indicazioni al governo sui percorsi di carattere legislativo da intraprendere, oggi un po’ farraginosi».

A uno dei temi che saranno maggiormente discussi a Ferrara ha fatto riferimento Mauro Grassi, Direttore di #italiasicura, la Struttura di missione della Presidenza del Consiglio contro il dissesto idrogeologico: «Stiamo realizzando un importante piano di prevenzione del rischio e il governo ci stimola con il lancio del progetto “Casa Italia”, per affrontare le emergenze in modo più stabile e sicuro, e con il piano globale contro il rischio, che impegna l’esecutivo per i prossimi venti anni. È la prima volta che succede, in Italia, e vorremmo cominciare a pensare a un Paese che non teme alluvioni ogni volta che piove».

Di rischio si parlerà domani nelle sessioni del convegno “Linee Guida Nazionali sull’erosione costiera”, promosso in partnership con il Tavolo Nazionale Erosione Costiera del Ministero dell’Ambiente, che focalizzerà i cambiamenti climatici e gli scenari delle criticità, le strategie di adattamento e la stima dei fabbisogni, gli strumenti di analisi e l’impiego delle opere di difesa costiera, e i sedimenti come risorse. Tra gli appuntamenti in calendario giovedì 22 si segnalano, poi, la “RemTech Europe International Conference”, avviata con il contributo della Commissione Europea e del JRC (Joint Research Center), che prevede di riunire ogni anno le amministrazioni e le imprese europee, per stimolare la condivisione di conoscenze ed esperienze, e dare impulso a relazioni commerciali; la “Conferenza Nazionale dell’Industria sull’ambiente e le bonifiche”, dove verrà presentato il primo Position Paper di Confindustria sulla remediation, e la “Giornata del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile”, che porrà l’accento sulle tecnologie per il monitoraggio da remoto, lo studio e il controllo del territorio.

Nessun commento

Commenta

Realizzato da