I cambiamenti climatici a fumetti che fanno bene alle librerie

Le 12 storie del Calendario Serveco 2021 occasione per comunicare i cambiamenti climatici

Dodici storie sulla sostenibilità, dodici illustratori professionisti in dodici librerie, con la connivenza del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Bari e del Centro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC). Il primo incontro sarà ospitato dalla libreria Dickens di Taranto, dove discuteranno, online, il professore di Ecologia Roberto Carlucci, la ricercatrice Paola Agostini e l’illustratore Gianfranco Vitti.

La presentazione del Calendario Serveco 2021 sarà l’occasione per affrontare pubblicamente i temi della sostenibilità e dei cambiamenti climatici anche dal punto di vista culturale e narrativo, perché il calendario stesso, per evitare di produrre rifiuti, può trasformarsi in un libro e le storie in esso contenute sono state ispirate dalle letture di Amitav Gosh e Jonathan Safran Foer. Grazie alla collaborazione del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Bari e del Centro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), per dodici incontri, uno al mese, l’ultimo lunedì del mese, avremo la possibilità di far confrontare pubblicamente alcuni scienziati con gli autori delle illustrazioni.

Quale luogo migliore perché questo incontro accada se non una libreria, dove si incontrano abitualmente le storie? Gli eventi, in streaming, saranno l’occasione per parlare di cambiamenti climatici con scienziati e illustratori e magari anche per consigliare alcune letture sul tema. In questo modo Serveco intende sostenere anche le librerie, a partire dalla storica Dickens di Taranto, offrendo alcuni calendari da donare ai clienti che parteciperanno alle dirette.

L’evento del primo febbraio, il primo di dodici, sarà sulla pagina Facebook della libreria tarantina. Mediapartner dell’evento è Cosmopolismedia.

Tutte le informazioni sul calendario su www.calendarioserveco.it.

Plastica in mare. Dai rifiuti in spiaggia alle microplastiche.

Lunedì 1 febbraio 2021 – dalle 17.00 live sulla pagina Facebook della libreria Dickens.

Interverranno:

Roberto Carlucci

Ha conseguito un Ph.D. in Scienze Ambientali ed è Professore Associato in Ecologia. È attualmente affiliato al Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari dove insegna Ecologia e Legislazione Ambientale oltre che Ecologia Applicata per la Laurea in Scienze Ambientali. I suoi principali interessi di ricerca sono concentrati sull’applicazione di modelli biologici, statistici e matematici all’ecologia marina, alla dinamica della popolazione e alla valutazione degli stock ittici. È (co) -autore più di 130 pubblicazioni scientifiche su atti di congressi, riviste ISI nazionali e internazionali. Roberto Carlucci è revisore per riviste italiane e internazionali ISI.

Paola Agostini

Laureata in Scienze Biologiche all’Università di Roma la Sapienza ed è Dottore di Ricerca in Analisi e Governance dello Sviluppo Sostenibile presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha lavorato in passato nell’ambito della ricerca sui sistemi di supporto per l’analisi e la gestione dei rischi ambientali. E’ stata Scientific Project Officer alla Commissione Europea, Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione, dove ha seguito le tematiche di cambiamento climatico, rischi ambientali e ambiente marino. Dal 2013 lavora alla Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici di Lecce, nella Divisione di ricerca che si occupa di previsioni e applicazioni oceanografiche, principalmente nelle attività di gestione progettuale, networking e disseminazione.

Gianfranco Vitti

Nato a Taranto, classe 75, laureato in pittura, nel 2012 vince il Lucca Project Contest con “Delitto d’autunno” e nel 2014 il Premio Nuvolette come autore esordiente. È il creatore del personaggio Andrè Dupin investigatore privato italo-francese nella Taranto degli anni cinquanta, edito da Lavieri Edizioni. Di prossima uscita “Montmartre” sempre per Lavieri e una biografia su Sylvia Plath per Lisciani editore. Tiene corsi di fumetto e acquerello, tecnica che predilige.

——————

Gli altri eventi in programma

Febbraio – live del 22 febbraio 2021. Fare come le api. Le api vivono in una società complessa, regolata anche da regole sociali rigide, che però creano le condizioni di reagire ai pericoli in maniera organizzata. Nonostante questo però la loro esistenza è minacciata seriamente dall’uomo. In che maniera sono organizzate le api? La loro scomparsa come impatterà sul nostro futuro?

Marzo – live del 29 marzo 2021. Il giusto colore della pelle. I cambiamenti climatici mettono le popolazioni davanti ad avversità prima impensabili. Queste probabilmente metteranno alla prova l’umanità che dovrà trovarsi a gestire fenomeni sociali anche estremi. Diamo per scontato alcuni valori, come la libertà, l’uguaglianza, la fratellanza, ma sono davvero intoccabili? La distopia della loro eclisse è davvero improbabile?

Aprile – live del 26 aprile 2021. Com’è l’acqua oggi? Modelli di comunicazione, modelli di successo. Quali campagne sulla sostenibilità sono state efficaci? I comportamenti sostenibili potranno mai divenire i modelli dominanti?

Maggio – live del 24 maggio 2021. 25mila anni. Le tartarughe tornano a nidificare dove sono nate. Lo fanno da migliaia di anni, da prima che l’uomo colonizzasse le spiagge. La loro sopravvivenza è messa a repentaglio dalla presenza dell’uomo che, contemporaneamente, ne garantisce la salvaguardia: senza i bagnanti sulle spiagge sarebbe difficile a volte individuare i nidi e quindi proteggerli.

Giugno – live 28 giugno 2021. Tropico adriatico. L’ecosistema mediterraneo sta cambiando: pesci tropicali nuotano nell’Adriatico e riescono a sopravvivere, moltiplicandosi. La loro presenza mette a repentaglio la sopravvivenza delle specie autoctone. Ogni cambiamento porta con sé aspetti positivi e negativi.

Luglio – live 26 luglio 2021. Modelli di sviluppo che erano sbagliati – Dice l’adagio che bisogna sbattere il muso contro gli errori per capire che stiamo sbagliando e così è stato quando ci siamo accorti che un certo sviluppo industriale ha messo a repentaglio non solo i delicati ecosistemi naturali ma addirittura la stessa sopravvivenza dell’uomo. Possiamo prevedere quali saranno le conseguenze delle nostre scelte presenti? Quando progettiamo lo sviluppo, di cosa si deve tener conto?

Agosto – live 30 agosto 2021. Terra madre, ma anche figlia. La fertilità della terra è il delicato equilibrio tra quello che offre e quello che riceve. Possiamo contribuire alla lotta contro la desertificazione e contro il consumo di suolo, compiendo le giuste scelte, a cominciare dalla raccolta differenziata dell’organico, attraverso il quale si produce compost biologico. Quali sono gli insegnamenti antichi che abbiamo perso e che andrebbero ripresi? Come possiamo rallentare l’inaridimento del terreno?

Settembre – live 27 settembre 2021. Settembre, andiamo, è tempo di migrare. I fenomeni migratori sono sempre esistiti nella storia dell’uomo e spesso hanno dato vita a conflitti ma anche a fertili meticciamenti. Alle pressioni migratorie dovute a questioni sociali e economiche, stiamo già assistendo a spostamenti di massa dovuti a motivi climatici. Cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi anni? E quali politiche adottare per affrontare il fenomeno nel migliore dei modi?

Ottobre – live 25 ottobre 2021. I rifiuti sono un errore di design – La produzione di rifiuti può essere evitata a monte, progettando oggetti che durino il più a lungo possibile oppure che possano essere riutilizzati per altre esigenze.

Novembre – 29 novembre 2021. L’ultimo chiuda la porta. Siamo davvero a rischio estinzione? E come si sono estinti i cugini di Neanderthal? Cosa possiamo imparare dalle estinzioni precedenti?

Dicembre – 27 dicembre 2021. Quanto costa la plastica sulla costa. La vita media di una bottiglia di plastica rasenta l’immortalità. Questo materiale fa parte ormai dell’ecosistema marino, lo danneggia, ma ne modifica anche alcune caratteristiche. La presenza di rifiuti ha un costo ambientale ma anche economico. È possibile quantificarlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *