Pochi impianti e spese elevate: quanto ci costano i rifiuti sanitari


Sequenza 01.Immagine230

Dai farmaci scaduti ai drenaggi, dai contenitori sterili ai materiali taglienti monouso come aghi, siringhe e bisturi, dai gessi alle piccole parti anatomiche. È lungo l’elenco delle tipologie di rifiuto che ricadono sotto il grande ombrello della categoria 18, quella degli scarti prodotti dal settore sanitario e veterinario o da attività di ricerca collegate. E sebbene l’intera categoria rappresenti poco più del 2% dei rifiuti speciali complessivamente generati dalle attività produttive dello Stivale, la sua gestione ha ricadute importanti sull’intera collettività. Sul piano economico, visto che la spesa per il trattamento ricade in buona parte sui costi del sistema sanitario nazionale, ma anche su quello ambientale. Due fronti delicatissimi, sui quali però non mancano ritardi e criticità.

Stando all’ultimo rapporto dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, sono 178.643 le tonnellate prodotte nel 2016 in Italia. Del totale dei rifiuti prodotti, circa il 90% (pari nel 2016 a 159.721 tonnellate) è classificato come pericoloso e dev’essere quindi gestito in sicurezza, senza arrecare danno alla salute umana o agli ecosistemi.

La gestione è tuttora disciplinata dal DPR 254 del 15 luglio 2003, che ripartisce i rifiuti sanitari in non pericolosi e pericolosi, distinguendo poi questi ultimi a seconda della presenza o meno di rischio infettivo. È stato calcolato che pur costituendo in realtà tra il 15 e il 25% di tutti gli scarti prodotti da un’azienda ospedaliera, quelli a rischio infettivo rappresentino l’80% circa del costo complessivo di gestione. Questo soprattutto perché i rifiuti contaminati non possono essere smaltiti ovunque, ma possono solo essere inceneriti in pochi impianti ad hoc sul territorio nazionale.

Lo stesso DPR però prevede che gli scarti a rischio infettivo possano essere sottoposti a “sterilizzazione”, ovvero un trattamento che, tramite triturazione ed essiccamento, consenta un abbattimento della carica microbica dei rifiuti oltre alla riduzione di peso e volume. Il che significa ridurre le quantità da movimentare e, soprattutto, disporre di più siti per lo smaltimento visto che i residui della sterilizzazione possono essere conferiti sia in impianti di incenerimento e discariche per rifiuti urbani, sia in impianti per la produzione di combustibile CSS.

Insomma, un notevole vantaggio logistico per le aziende ospedaliere, che potrebbero giovare anche dei risparmi determinati dalla riduzione dei costi di trasporto. “Mentre classicamente i rifiuti sanitari pericolosi vengono raccolti come tali ogni giorno o al massimo ogni 5 giorni e avviati prevalentemente a incenerimento, con la sterilizzazione on-site è possibile stoccare il materiale inertizzato fino a 3 mesi, riducendo trasporti, costi e impatti ambientali e migliorando pesature e conteggi”, spiega l’On. Alberto Zolezzi, membro della commissione ambiente della Camera e primo firmatario di una proposta di legge, presentata nell’ottobre 2017, per favorire una gestione più sostenibile dei rifiuti ospedalieri promuovendo, tra l’altro, proprio l’installazione di impianti di sterilizzazione all’interno delle singole strutture sanitarie.

“In Puglia – spiega Zolezzi – è stato calcolato che l’introduzione della sterilizzazione on-site dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo permette una sensibile riduzione dei costi di smaltimento dagli attuali 5 milioni 700mila euro all’anno a circa 1 milione 360mila, con un risparmio medio di circa il 75%. La prospettiva nazionale – aggiunge – potrebbe portare a un risparmio di circa 200 milioni di euro”. Il che significherebbe tagliare di quasi due terzi la spesa complessiva sostenuta ogni anno per gestire tutti i rifiuti prodotti, calcolata in circa 300 milioni. Un risparmio niente male, soprattutto per le già dissanguate casse della sanità pubblica.

Senza dimenticare che sotto l’ombrello dei rifiuti sanitari finiscono ogni giorno anche imballaggi, contenitori, scarti alimentari, rifiuti metallici e numerose altre tipologie di scarti né pericolosi né infettivi, che se raccolti in maniera separata possono essere avviate a riciclo. Con un vantaggio che è ambientale ma anche e soprattutto economico, dal momento che differenziarli significa evitare che possano finire tra i rifiuti pericolosi, il cui costo di smaltimento è decisamente più elevato: in media anche più di 1,30 euro al kg, rispetto agli 0,30 per i rifiuti urbani.

Ad ogni modo, in assenza di un impianto di sterilizzazione “di prossimità”, i rifiuti sanitari vanno raccolti presso l’azienda ospedaliera che li ha prodotti e conferiti altrove, presso centri di trattamento o di smaltimento. Gli impianti però sono pochi (vale sia per quelli di sterilizzazione che per quelli di incenerimento autorizzati a smaltire rifiuti sanitari), cosa che costringe gli scarti ospedalieri a compiere viaggi lunghi anche centinaia di chilometri, costosi e inquinanti. Stando ad un dossier realizzato sulla base dei dati raccolti presso le Camere di Commercio proprio dall’On. Zolezzi, la Campania produrrebbe ad esempio oltre 12mila tonnellate di rifiuti sanitari, esportandone quasi 9mila. Nelle Regioni dotate di impianti invece il flusso si inverte. L’Emilia Romagna, ad esempio, importerebbe più del doppio degli scarti sanitari prodotti sul suo territorio, 33mila tonnellate contro poco più di 15mila, mentre la Calabria, che ne genera 3.400 tonnellate, ne importa invece oltre 11mila. E i costi del trasporto gravano sul Servizio sanitario nazionale, quindi sulle tasche dei contribuenti.

E non è finita qui, perché i problemi non si limitano al “dove” trasportare gli scarti infettivi, ma si estendono anche al “come” e, nello specifico, investono il tipo di imballaggio da utilizzare. Tema sul quale negli ultimi anni si è scatenato un acceso dibattito. Fino ai primi anni 2000, infatti, per trasportare i rifiuti sanitari pericolosi dalle aziende ospedaliere verso gli impianti di smaltimento, le ditte appaltatrici del servizio di raccolta utilizzavano quasi esclusivamente contenitori monouso in cartone o polipropilene alveolare, che una volta giunti a destinazione venivano inceneriti insieme con il loro contenuto. Uno scenario rimasto invariato fino al 2003, quando l’entrata in vigore del DPR ha introdotto per la prima volta la possibilità di utilizzare un imballaggio rigido in polipropilene o polietilene “eventualmente riutilizzabile previa idonea disinfezione ad ogni ciclo d’uso”.

Una “eventualità” che con il passare degli anni ha però finito per somigliare sempre di più ad una autentica prassi. “Ad oggi – scrive la principale azienda di settore in una nota – possiamo orgogliosamente affermare che i nostri contenitori sono utilizzati con piena soddisfazione in gran parte delle strutture ospedaliere italiane. In particolare in tutte le strutture sanitarie pubbliche delle regioni Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo ed in gran parte di quelle di altre 13 regioni italiane. Ogni anno produciamo oltre 2 milioni di contenitori e ne trattiamo oltre 10 milioni”.

Ma non manca chi nutre forti dubbi su quanto questa soluzione sia realmente sostenibile. “In Italia negli ultimi 10/15 anni – spiega un operatore di settore, che preferisce restare anonimo – numerose stazioni appaltanti hanno imposto vincoli o parametri molto premianti a favore dei contenitori rigidi riutilizzabili, basandosi però su una serie di forzature. Su tutte la convinzione che il contenitore multiuso sia più sostenibile perchè recuperandolo si smaltiscono meno rifiuti. In realtà – chiarisce l’operatore – si tende ad ignorare il problema delle distanze che devono percorrere gli automezzi per raggiungere gli impianti dotati di sistemi di lavaggio e disinfezione e non si tiene conto dell’impatto ambientale dovuto alla sanificazione dei contenitori in tema di consumo di acqua, costi di depurazione delle acque usate, costi per la produzione ed il recupero della plastica”.

Un successo, quello dei contenitori riutilizzabili, che i produttori di contenitori rigidi riutilizzabili fanno risalire alla maggiore resistenza dei loro imballaggi a urti e agenti atmosferici, ma anche alla loro sostenibilità: riutilizzare significa produrre meno rifiuti, e anche quando alla fine l’imballaggio deteriorato diventa un rifiuto, può entrare nel circuito del riciclo. “La vita massima di ciascun contenitore è fissata in 12 cicli d’uso – prosegue l’azienda – ma raramente un contenitore è così longevo. I contenitori danneggiati sono scartati, avviati ai mulini di triturazione; la plastica recuperata è utilizzata per la produzione di un contenitore nuovo, secondo la filosofia del cradle to cradle per la quale un prodotto non esaurisce la propria vita utile nel momento in cui viene tolto dal ciclo di produzione, ma la materia viene recuperata per la stampa di un nuovo prodotto”.

Insomma, se ricorrere ai contenitori riutilizzabili è un modo per produrre meno rifiuti, non è detto però che sia anche un modo per contenere l’impatto ambientale della gestione degli scarti infettivi. Anche perché al momento su tutto il territorio nazionale gli impianti di trattamento attrezzati con sistemi di lavaggio e disinfezione dei contenitori multiuso sono solo 19 e solo in 11 Regioni (Piemonte e Lazio, ad esempio, ne sono totalmente sprovviste). Ciò significa che se l’azienda sanitaria decide di puntare sui contenitori multiuso, la ditta gestrice del servizio di raccolta e trasporto sarà costretta a portare i suoi rifiuti esclusivamente ad un impianto di trattamento dotato di sistema di sanificazione degli imballaggi, indipendentemente dai chilometri che dovrà coprire per effettuare il conferimento. E dal costo economico e ambientale del viaggio, che in alcuni casi rischia di essere tutt’altro che sostenibile.

Nessun commento

Commenta

Realizzato da