• ‘Impianti Aperti’, torna la campagna di Assoambiente in versione ‘on the road’
    Un viaggio lungo lo Stivale alla scoperta delle fabbriche dell’economia circolare. Torna la campagna ‘Impianti Aperti’ di Assoambiente, quest’anno in versione ‘on the road’. Prima tappa il 14 marzo alla Techemet di Ciriè per parlare di veicoli a fine vita, all’alba della rivoluzione del nuovo regolamento Ue
  • Rifiuti urbani, le imprese chiedono chiarezza sul ‘market design’
    La riattivazione del sistema degli ‘impianti minimi’, dopo le sentenze della giustizia amministrativa, riaccende il dibattito sul mercato dei rifiuti urbani. Sul rapporto tra concorrenza e prossimità i portatori d’interesse sono su fronti diversi, ma sono anche tutti d’accordo nel chiedere al legislatore maggiore chiarezza sul ‘market design’. Soprattutto per i rifiuti organici, come è emerso oggi nel corso di un talk con Assoambiente, CIC e Utilitalia
  • Tariffa rifiuti, così le perequazioni ARERA diventano una “tassa impropria”
    Dal 1 gennaio di quest’anno i comuni dovranno integrare la tariffa rifiuti con le nuove componenti ARERA per coprire i costi dei rifiuti pescati e degli eventi calamitosi. Ma secondo IFEL i due meccanismi di perequazione rischiano di tradursi in una “tassa impropria” a carico degli enti locali
  • Veicoli a fine vita, demolitori e case auto contro l’obbligo di rimozione manuale di cruscotti e schede elettroniche
    No all’obbligo di smantellamento manuale di cruscotti, cablaggi e schede elettroniche: industria dell’automotive e imprese della demolizione insieme contro la misura inserita dalla Commissione Ue nella proposta di regolamento sui veicoli a fine vita
  • Rifiuti tessili, il Parlamento Ue chiede regole EPR entro dicembre
    Entro il 31 dicembre 2024 la Commissione europea dovrà definire le regole dei sistemi di responsabilità estesa del produttore per l’industria tessile. Lo chiede la commissione ENVI dell’europarlamento nel rapporto con gli emendamenti alla proposta di riforma della direttiva quadro rifiuti. Ma in mezzo ci sono le elezioni e il passaggio di consegne sul dossier
  • Veicoli a fine vita, il nuovo regolamento Ue slitta alla prossima legislatura
    La commissione ENVI del Parlamento europeo non riuscirà ad adottare una posizione negoziale sulla proposta di regolamento europeo sui veicoli a fine vita prima dello stop ai lavori in vista delle elezioni di giugno
  • Rifiuti urbani, in Ue cresce la discarica ma calano riciclo e recupero energetico
    Secondo Eurostat nel 2022 ogni cittadino europeo ha generato 513 kg di rifiuti urbani, in lieve calo rispetto all’anno precedente, mentre cresce, anche se di poco, il ricorso alla discarica. Che ancora assorbe il 23% dei rifiuti prodotti, mentre entro il 2034, dice l’Ue, non dovrà superare il 10%. Peccato che nel frattempo siano calati sia il riciclo che il recupero energetico
  • Napoli, ecco il Green Med Expo & Symposium
    Dal 12 al 14 giugno alla Mostra d’Oltremare torna l’evento promosso da Ricicla.tv e Ecomondo con la partnership di Regione Campania e Comune di Napoli. Con un nuovo nome, Green Med Expo & Symposium, e una nuova area espositiva ad affiancare il tradizionale programma di convegni e seminari
  • RENTRI come la fatturazione elettronica: “Cambierà in meglio la vita degli operatori”
    Dai metodi di firma ai servizi di conservazione obbligatoria: ecco come il nuovo sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti RENTRI rivoluzionerà, in chiave digitale, la vita delle imprese. Come già accaduto con la fatturazione elettronica
  • Plastica, l’allarme dei riciclatori: “Imprese rischiano la chiusura”
    Tra 2017 e 2022 le imprese europee del riciclo della plastica hanno raddoppiato la propria capacità di trattamento, ma gli investimenti sono minacciati dai bassi prezzi dei polimeri vergini e dalle importazioni di riciclati a buon mercato, oltre che dall’insufficiente capacità di intercettazione dei rifiuti in Ue. “Senza interventi rapidi le imprese saranno costrette a chiudere”, avverte Paolo Glerean, membro del board di Plastics Recyclers Europe
  • MUD 2024, nuovo modello in arrivo
    Pronto un nuovo Modello di Dichiarazione Ambientale per i rifiuti prodotti e gestiti nel 2023. Tra le modifiche (poche) al format dello scorso anno le voci sui costi per i Comuni e sugli imballaggi per liquidi alimentari. Il MUD 2024 dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale entro il prossimo 1 marzo, ma dopo il pasticcio dell’anno scorso il condizionale è d’obbligo
  • Clima, l’Ue punterà a ridurre le emissioni del 90% entro il 2040
    Per la Commissione europea entro il 2040 l’Ue dovrà tagliare le emissioni climalteranti del 90% puntando su tutte le tecnologie disponibili, dalle rinnovabili al nucleare. Per centrare l’obiettivo, l’unico in grado di tenere fede agli accordi di Parigi sul clima, servirà trasformare il Green Deal in un “patto industriale per la decarbonizzazione”, ha chiarito oggi Bruxelles con una comunicazione indirizzata al prossimo esecutivo
  • Plastica, rallentano gli investimenti in capacità di riciclo
    Nel 2022 la capacità di riciclo della plastica in Europa ha raggiunto i 12,5 milioni di tonnellate. Per centrare i target Ue, però, occorrerà portarla a 16 milioni entro il 2025. Ma la concorrenza dei prodotti vergini e dei riciclati d’importazione a buon mercato sta frenando gli investimenti, avverte Plastics Recyclers Europe, chiedendo l’inserimento di misure di salvaguardia anche nel nuovo regolamento imballaggi
  • Rifiuti, il riscatto della Sicilia parte da Messina
    Nel giro di cinque anni Messina ha rivoluzionato il sistema di gestione dei rifiuti urbani, passando dal 17,9 al 53,5% di raccolta differenziata. Un modello virtuoso che ora, però, chiede alla Regione, e al futuro commissario speciale Renato Schifani, nuovi impianti per chiudere il ciclo e tagliare viaggi dei rifiuti e conferimenti in discarica
  • Spedizioni di rifiuti, tra nuove procedure e ‘reshoring’ del recupero: cosa cambia per le imprese
    Dal giro di vite alle esportazioni verso i paesi non-OCSE, compreso lo stop per la plastica, ai nuovi adempimenti per i trasferimenti verso OCSE e EFTA, passando per l’annunciata digitalizzazione delle procedure di notifica e autorizzazione. In arrivo la rivoluzione del nuovo regolamento europeo sulle spedizioni transfrontaliere di rifiuti. Il segretario generale di FEAD Paolo Campanella: “Le aziende cominceranno a guardare molto di più all’Ue che ai paesi terzi”
  • Acque reflue, via libera alla responsabilità estesa per cosmetici e farmaceutica
    Consiglio e Parlamento dell’Ue hanno raggiunto l’intesa sulla revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue. Via libera all’istituzione di un regime di responsabilità estesa del produttore per l’industria cosmetica e farmaceutica, con l’obiettivo di finanziare (almeno all’80%) i costi della rimozione dei microinquinanti
  • Puglia, UNIRIMA: concorrenza e impianti di recupero energetico per raggiungere i target Ue
    Cresce la raccolta differenziata in Puglia, ma crescono anche gli scarti del riciclo. Secondo UNIRIMA, per centrare gli obiettivi europei di circolarità al 2035 la Regione deve attuare il Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti e non ostacolare la libera concorrenza sul mercato del riciclo
  • Decreto energia: su acqua e rifiuti è norma ‘sblocca commissari’
    Il decreto energia approvato dalla Camera conferisce al governatore della Sicilia l’incarico di commissario ai rifiuti, ma potenzia anche l’ufficio del commissario alla depurazione con poteri di deroga e provvedimenti autorizzativi accelerati
  • Rifiuti, Assoambiente: “In Campania affidamenti in house non motivati”
    La corsa alla costituzione di nuove società pubbliche per la gestione dei rifiuti in Campania fa scendere sul piede di guerra le imprese private. Assoambiente: “Affidamenti in house non motivati contrastano con i principi dell’efficienza e della competitività”
  • Impianti minimi, ARERA ci riprova: partenza dal 2024
    Il sistema delle tariffe al cancello per gli impianti di gestione dei rifiuti ripartirà nel 2024, ma stavolta la qualifica degli ‘impianti minimi’ sarà subordinata ai criteri del Programma Nazionale. Lo ha stabilito ARERA con una delibera nella quale prende atto dei pronunciamenti del Consiglio di Stato che avevano giudicato come illegittimo il meccanismo
  • Rifiuti, Utilitalia: “Poteri commissariali per recuperare i ritardi”
    Nel 2022 le utility hanno investito 6,2 miliardi di euro, con un +85% di risorse per l’economia circolare, si legge nell’ultimo rapporto di sostenibilità di Utilitalia. Ma l’Italia dei servizi ambientali resta divisa a metà. Il presidente della federazione delle utility Filippo Brandolini: “Il commissariamento di Roma può essere un volano anche per altre realtà”
  • Roma, così la commissione ‘ecomafie’ è diventata il tribunale sull’inceneritore
    Era stato convocato dalla commissione ‘ecomafie’ per fare il punto sull’incendio al TMB di Malagrotta, ma il sindaco di Roma Roberto Gualtieri si è trovato a rispondere quasi esclusivamente alle domande sulla scelta di realizzare un nuovo inceneritore. Considerata, evidentemente, alla stregua di un crimine
  • Siglata intesa Italia-Spagna per tutelare le imprese dell’autodemolizione
    Le associazioni delle imprese italiane e spagnole dell’autodemolizione, ADA e AEDRA, hanno siglato un accordo per unire gli sforzi all’alba della rivoluzione sostenibile del settore automotive. Tra i fronti più caldi quello del nuovo regolamento sui veicoli a fine vita, rispetto al quale le sigle hanno già presentato alla Commissione Ue il loro memorandum congiunto
  • Rifiuti, nel 2022 le esportazioni dall’Ue sono calate del 3%
    Mentre l’Ue si prepara a varare il nuovo regolamento sulle spedizioni di rifiuti, calano le esportazioni fuori dall’Ue. Secondo Eurostat nel 2022 gli Stati membri hanno spedito fuori dai confini dell’Unione poco più di 32 milioni di tonnellate di scarti, in contrazione del 3%. Principali destinazioni Turchia e India, che hanno importato soprattutto rottami e carta
  • Strade, cresce il riciclo ma la burocrazia frena la transizione ecologica
    Secondo SITEB nel 2023 il 30% dei materiali utilizzati per realizzare nuove strade in Italia è arrivato dal riciclo del fresato d’asfalto. Che è riciclabile al 100% ma le cui potenzialità, nonostante il decreto end of waste, restano largamente inespresse
  • Energia, paradosso Italia: nel 2022 abbiamo importato più carbone ma anche esportato più CSS
    Per far fronte agli effetti della guerra in Ucraina nel 2022 l’Italia ha importato, e bruciato, il 57% di carbon fossile in più. Il problema è che nel frattempo sono aumentate del 55% anche le esportazioni di combustibile da rifiuti. Nell’anno della peggiore crisi energetica della storia recente, insomma, abbiamo continuato a regalare energia agli altri
  • Rifiuti, l’ANAC: “Concorrenza prevale su principio di prossimità”
    L’Autorità Nazionale Anticorruzione boccia una gara per il trattamento della forsu che, in nome del principio di prossimità, era stata limitata a operatori “entro una distanza massima di 10 Km”. Una clausola “illegittima e limitativa della concorrenza”, scrive l’ANAC, che sul punto richiama il Consiglio di Stato e la sua “illuminante interpretazione” del rapporto tra prossimità e concorrenza sul mercato dei rifiuti
  • Ecoballe, lo smaltimento definitivo costerà più di 800 milioni
    Tra fondi nazionali, fondi FSC (previo sblocco da parte del governo) e altre risorse, complessivamente le operazioni di smaltimento delle ecoballe potrebbero arrivare a costare più di ottocento milioni di euro. Ma l’eredità dell’emergenza è già destinata a superare il miliardo
  • Napoli, operatori in sciopero contro lo ‘spacchettamento’ del ciclo rifiuti
    I lavoratori della società metropolitana di gestione del ciclo rifiuti SAPNA annunciano lo sciopero contro la decisione dell’ente d’ambito Napoli 3 di affidare la gestione del ciclo, e del TMB di Tufino, a una nuova società mista. L’amministratore di SAPNA Gabriele Gargano: “Con lo spacchettamento forte rischio di aumento dei costi a carico dei cittadini”
  • Rifiuti urbani, Assoambiente: “Più luci che ombre”. Ma cresce il ‘turismo’
    Bene la riduzione della produzione e l’aumento della raccolta differenziata, preoccupa invece il tasso di riciclo, lontano dagli obiettivi Ue, e l’aumento del ‘turismo’ dentro e fuori i confini nazionali. Il bilancio di Assoambiente sui dati dell’ultimo rapporto ISPRA sui rifiuti urbani
  • Rifiuti inerti, rischio caos autorizzazioni
    Nelle more dell’entrata in vigore del nuovo decreto end of waste le imprese del riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione sono soggette a un doppio regime autorizzativo che sta generando “confusione e disparità di mercato”, denuncia il presidente di ANPAR Paolo Barberi
  • Sottoprodotti, tra timori e pochi incentivi: ecco cosa frena le imprese
    I sottoprodotti possono essere un volano di sostenibilità e competitività per le imprese, ma lo strumento stenta a decollare. Colpa della scarsa conoscenza, ma anche dei timori delle imprese e della mancanza di incentivi, scrive Ref in un position paper. Che invita l’Italia a puntare sui principi della simbiosi industriale
  • Incendio Malagrotta, Cerroni: “Scelte tecniche di competenza dell’amministratore giudiziario”
    In Commissione ‘ecomafie’ il ‘j’accuse’ di Manlio Cerroni dopo l’incendio del tmb di Malagrotta. “Scelte tecniche e gestionali di competenza esclusiva dell’amministratore giudiziario”, scrive in una nota l’ex patron della maxi discarica di Roma
  • Rifiuti elettrici, raccolta in calo. Erion WEEE: “Lo Stato intervenga”
    Anche nel 2023 il consorzio Erion WEEE ha registrato un calo nella raccolta delle apparecchiature tecnologiche a fine vita: 232mila tonnellate, con una contrazione del 6% sull’anno precedente causata soprattutto da flussi paralleli e scarsa consapevolezza. Il direttore generale Giorgio Arienti: “Lo Stato intervenga”
  • Rifiuti, Bonavitacola: “Nel 2024 cancelliamo la sanzione europea”
    Undici nuovi impianti per 220 milioni di euro. È il piano ambizioso lanciato nel 2016 dalla Regione Campania per colmare i deficit di trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata. “Siamo a metà strada”, spiega il vice presidente Fulvio Bonavitacola secondo cui “nel corso dell’anno riusciremo a cancellare l’intera sanzione europea”
  • Il 2024 sarà l’anno del Rentri
    Conto alla rovescia per le prime iscrizioni al nuovo sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti Rentri, in programma per il 15 dicembre 2024. Cefis: “Attenzione ai tempi per la tenuta dei nuovi registri e formulari”. Paone: “Le aziende investano in formazione sui temi del digitale”
  • Viaggi dei rifiuti, nel 2022 Campania primatista delle esportazioni
    Tra rifiuti indifferenziati e organico da raccolta differenziata nel 2022 la Campania ha inviato più di 800mila tonnellate in altre regioni o nazioni. Ma sono tante le regioni che hanno smaltito o recuperato i propri rifiuti negli impianti degli altri, in deroga al principio di autosufficienza, si legge nell’ultimo rapporto ISPRA
  • Rifiuti inerti, nuova proroga per l’adeguamento al decreto end of waste
    Il ‘milleproroghe’ varato ieri dal governo prolunga fino al 4 novembre del 2024 il termine per l’adeguamento delle autorizzazioni ai contenuti del decreto end of waste sui rifiuti da costruzione e demolizione. Che nel frattempo sarà sostituito dal nuovo testo in consultazione a Bruxelles
  • Roma, ecco la gara monstre: 400 milioni di euro per smaltire gli scarti fuori regione
    Sette lotti, per un fabbisogno stimato in due milioni di tonnellate di rifiuti da gestire nell’arco di tre anni. Sono quelli messi a gara da Invitalia per trovare collocazione agli scarti prodotti dagli impianti di AMA e all’indifferenziato che non sarà possibile trattare dentro i confini del Lazio. Valore dell’appalto: 400 milioni di euro. Nel solo 2022 oltre 132mila tonnellate erano finite all’estero
  • Incendio Malagrotta, Alfonsi: “Non siamo in emergenza”
    L’incendio del tmb di Malagrotta è il quarto rogo su quattro strutture di trattamento meccanico biologico al servizio della Capitale, ma “grazie ai contratti in essere dentro e fuori regione e all’estero risponderemo all’incidente senza andare in emergenza”, ha garantito ai microfoni di Ricicla.tv l’assessora capitolina ai rifiuti Sabrina Alfonsi
  • Rifiuti, Rovigo provincia puntuale: nel 2024 scatta la tariffa corrispettiva unica
    Dal prossimo anno in tutti e 50 i Comuni della provincia di Rovigo si applicherà una tariffa corrispettiva basata sulla produzione di rifiuto residuo. È il primo caso in Italia di tariffa puntuale unica a livello sovracomunale. Giacetti: “Momento storico per il Polesine”
  • PNRR e rifiuti, sottoscritti 1152 atti d’obbligo su 1323 progetti
    Entro il 31 dicembre i beneficiari dei fondi PNRR per rifiuti ed economia circolare dovranno affidare la realizzazione degli interventi. Già 1152 su 1323 gli atti d’obbligo sottoscritti. I Comuni ammettono difficoltà, mentre il vice ministro dell’Ambiente Vannia Gava annuncia la rimodulazione dei fondi per finanziare i restanti progetti in graduatoria
  • Napoli, aggiudicata la gara per il primo impianto di compostaggio
    Dopo un lungo e accidentato percorso amministrativo, è stata aggiudicata la gara per la realizzazione del primo impianto pubblico di trattamento dei rifiuti organici di Napoli. Sarà pronto nel 2026 e trasformerà 35mila tonnellate di umido e verde in compost e biometano. Ruggiero: “Così riduciamo i viaggi dei rifiuti”
  • Rentri, pubblicate le istruzioni per registri e formulari
    La direzione generale per l’economia circolare del Ministero dell’Ambiente ha pubblicato le istruzioni di compilazione dei nuovi modelli di registri di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti. L’ultimo tassello prima dell’avvio dei test sul nuovo sistema di tracciabilità informatica, RenTRi, che partiranno a gennaio. Il MASE: “FAQ e schede informative per sciogliere i dubbi”
  • Recupero energetico, Utilitalia: “Senza impianti a rischio obiettivi Ue”
    Tra inceneritori e digestori anaerobici, nel 2022 gli impianti di recupero energetico dei rifiuti in Italia hanno prodotto 7 milioni di MWh di energia. Ma lo squilibrio tra nord e sud, spiega un nuovo rapporto di Utilitalia, mette a rischio il raggiungimento degli obiettivi europei al 2035
  • Rifiuti urbani, meno discarica e più riciclo. Ma è boom delle esportazioni
    Secondo l’ultimo rapporto ISPRA nel 2022 il riciclo dei rifiuti urbani è cresciuto, mentre sono diminuite le quantità smaltite in discarica. Per centrare gli obiettivi europei al 2035, tuttavia, serve “una accelerazione del sistema di gestione”. Anche perché, nel frattempo, sono aumentate di oltre un terzo le esportazioni. Soprattutto verso gli inceneritori degli altri
  • In Italia oltre mille comuni in tariffa puntuale, ma al sud sono solo sei
    Secondo IFEL nel 2022 1117 Comuni hanno adottato la tariffa puntuale, legando la Tari alla condotta delle singole utenze. Ma al sud le amministrazioni PAYT sono solo 6. Colpa anche dei ritardi sul fronte della governance
  • Raee, giovani sempre più consapevoli dei vantaggi di una gestione corretta
    I dati dell’Osservatorio conoscenza RAEE elaborati da Ipsos per Erion WEEE dimostrano che la campagna di sensibilizzazione realizzata dal Consorzio sta funzionando: nell’ultimo anno è aumentata la conoscenza del termine RAEE, mentre la media di conferimenti scorretti è scesa dal 15% al 13%, con una flessione ancora più netta tra i giovani (meno 6 punti percentuali)
  • Tariffa puntuale: IFEL fa il punto su diffusione ed evoluzione dei sistemi PAYT
    Dall’Istituto per la finanza e l’economia locale IFEL un webinar per illustrare come sta evolvendo la tariffa puntuale dei rifiuti nei Comuni italiani, quali enti la stanno applicando, in quali aree del Paese, e con quali modalità
  • Imballaggi, in Consiglio vince la linea di Bruxelles su riduzione e riuso
    La posizione negoziale degli Stati membri sul regolamento imballaggi, adottata oggi dal Consiglio, sposa la linea della Commissione: sì ai target di riuso per cibi e bevande (con possibilità per gli operatori economici di condividere gli obiettivi) e stop alla commercializzazione di packaging monouso, con qualche deroga per gli Stati membri. L’Italia vota contro, ma la proposta passa a larga maggioranza
  • Incentivi biometano, manca la norma per il revamping di impianti forsu
    A pochi giorni dalla nuova gara di incentivi per il biometano manca il decreto ministeriale che dovrebbe dare attuazione alle modifiche PNRR concordate con l’Ue, estendendo il regime anche al revamping degli impianti forsu. Il GSE: “Operatori dovranno attendere il quarto bando”, in calendario per giugno 2024
  • Riciclo, Italia leader con il 72%: imballaggi e rottami al top in Ue
    Italia ancora ai vertici in Europa, con un tasso di riciclo del 72% tra rifiuti urbani e speciali ed eccellenze che vanno dal settore degli imballaggi ai rottami, passando per gli oli minerali. Vietato adagiarsi sugli allori, avverte però la fondazione: servono investimenti in innovazione e regole che agevolino il mercato delle materie riciclate
  • ‘Impianti minimi’, UTILITALIA: “Adeguatezza del mercato non può essere solo a livello nazionale”
    La capacità del mercato dei rifiuti urbani di tenere in equilibrio domanda e offerta “non può essere misurata solo a livello nazionale”, dice Luca Mariotto di UTILITALIA in merito alle sentenze del Consiglio di Stato che hanno bocciato il sistema degli ‘impianti minimi’ di ARERA. E che adesso “lasciano un vuoto che non aiuterà gli investimenti”, spiega
  • Rifiuti radioattivi, ecco le aree idonee a ospitare il deposito nazionale
    Pubblicata la Carta Nazionale delle Aree Idonee a ospitare il deposito delle scorie radioattive: 51 località in sette regioni, isole comprese. Ma hanno già tutte detto di no. Per questo il ministro dell’Ambiente Pichetto ora cerca volontari. Per candidarsi ci sono ancora 30 giorni
  • COP28, sì alla “transizione” verso l’uscita dai fossili
    L’intesa raggiunta al termine della COP28 segna un primo, storico, impegno per l’allontanamento dalle fonti fossili di energia. Anche se non è l’addio chiesto dall’IPCC. Che resta “inevitabile”, come ha detto il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres
  • ‘Impianti minimi’, Assoambiente: “Sentenze frutto di un Programma Nazionale non incisivo”
    Per Luca Tosto di Assoambiente dopo il terremoto provocato dalle sentenze del Consiglio di Stato sul sistema degli ‘impianti minimi’ di ARERA serve “un intervento chiarificatore” per i prossimi PEF, ma anche il superamento delle lentezze burocratiche che ostacolano la realizzazione delle infrastrutture necessarie a soddisfare i fabbisogni territoriali di trattamento
  • ‘Impianti minimi’, Sicilia: “Vera carenza impiantistica è sul recupero energetico”
    Francesco Sicilia, direttore generale di Unirima, commenta i pronunciamenti del Consiglio di Stato che la settimana scorsa hanno stroncato il sistema degli ‘impianti minimi’ di ARERA. “Il Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti – dice a Ricicla.tv – venga aggiornato con una fotografia dell’impiantistica necessaria”. Quale? “Come dice l’antitrust – spiega – soprattutto quella per il recupero energetico degli scarti non riciclabili”
  • Rifiuti da attrezzature per la pesca: obbligo di differenziata al 15%
    Il Ministero dell’Ambiente ha fissato gli obiettivi di differenziata per i rifiuti da attrezzature per la pesca in plastica: dal 2024 scatta un target minimo di raccolta pari al 15% dell’immesso a consumo. La copertura dei costi dovrà essere garantita dai produttori attraverso i regimi di responsabilità estesa, ma da gennaio 2024 scatta anche la nuova componente tariffaria di ARERA per i rifiuti accidentalmente o volontariamente pescati
  • Impianti minimi, Fregolent: “Ora tavolo nazionale per riscrivere le regole”
    Dopo le sentenze del Consiglio di Stato che hanno demolito il sistema delle tariffe al cancello di ARERA è pronta al via libera definitivo la risoluzione proposta dalla senatrice Silvia Fregolent per impegnare il governo a rivedere il Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti. “Ora -dice a Ricicla.tv – serve un tavolo di lavoro nazionale per riscrivere insieme le regole”
  • Compost, un alleato nella difesa del suolo
    Il compost prodotto dal riciclo dei rifiuti organici restituisce sostanza organica al suolo e aiuta a combattere il cambiamento climatico. Nel solo 2021 l’Italia ha risparmiato 3,8 milioni di tonnellate di CO2, spiega il CIC
  • Impianti minimi, Consiglio di Stato boccia il sistema ARERA
    Il Consiglio di Stato ha respinto i ricorsi contro la sentenza del TAR Lombardia che aveva bocciato il sistema degli ‘impianti minimi’ introdotto da ARERA. Non è prerogativa del regolatore, né tanto meno delle Regioni, quella di sospendere la libera concorrenza per far fronte alle criticità nella gestione dei rifiuti urbani
  • Ecodesign, da Parlamento e Consiglio Ue stop della distruzione di tessili e calzature
    Parlamento e Consiglio Ue hanno raggiunto l’accordo sulla proposta di regolamento europeo per l’ecodesign: chiesto lo stop alla distruzione di tessili e calzature invenduti, con sei anni di deroga per le PMI, via libera al nuovo ‘Passaporto digitale di prodotto’, che diventerà requisito vincolante per l’immissione di beni di consumo sul mercato unico
  • Materie prime critiche, ICESP: “Serve una strategia nazionale”
    Per mettere in sicurezza l’approvvigionamento di materie prime critiche l’Italia deve puntare sul riciclo, ma senza impianti e semplificazioni i nuovi obiettivi europei resteranno irraggiungibili. L’appello dell’ICESP: “Serve una strategia nazionale”
  • Etichettatura ambientale, un imballaggio su due è allineato all’obbligo
    Stando all’ultima rilevazione dell’osservatorio IdentiPack di CONAI e GS1, il 50% dei prodotti in vendita nei super e ipermercati italiani presenta sulla confezione informazioni sui materiali che la compongono e su come conferirla nella raccolta differenziata. In linea con l’obbligo scattato a gennaio dello scorso anno
  • Economia circolare, in Italia calano le iniziative delle aziende
    Secondo il Circular Economy Report del Politecnico di Milano nell’ultimo anno è calato il numero di aziende che adottano pratiche di economia circolare, frenato dalla congiuntura globale e dall’incertezza delle normative. Il riciclo resta la strategia prevalente, ma le aziende chiedono semplificazioni e incentivi
  • Albo, Gizzi: “Finalmente mandato programmatico. Ora avanti con Rentri e Recer”
    Daniele Gizzi, confermato alla guida della governance dell’Albo, fa il punto con Ricicla.tv sulle sfide future per l’ente del Ministero dell’Ambiente da cui dipendono le sorti di oltre 160mila aziende dei servizi ambientali. Tanti i progetti già in cantiere: dal responsabile tecnico all’evoluzione del Recer passando, soprattutto, per l’ormai prossimo avvio dei test sul nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti Rentri. “Si parte da gennaio 2024 – dice – con la sperimentazione del sistema come sarà nella realtà”.
  • Media e sostenibilità, costituita la commissione dell’Odg Campania
    Si è costituita la commissione sostenibilità dell’Ordine dei Giornalisti della Campania. Tra i componenti anche il direttore di Ricicla.tv Monica D’Ambrosio
  • L’Albo Gestori Ambientali ha un nuovo Comitato nazionale
    Dopo una lunga attesa è stato nominato il nuovo Comitato nazionale dell’Albo Gestori Ambientali. Confermato alla presidenza Daniele Gizzi, novità tra i rappresentanti delle imprese
  • Rifiuti urbani, nel 2022 le imprese hanno generato 11 miliardi di valore
    Nel 2022 le principali imprese del waste management italiano hanno superato gli 11 miliardi di euro di valore della produzione, che si sono tradotti in 27 miliardi di euro di valore condiviso per il sistema Paese. Lo scrive Althesys nell’ultimo WAS report
  • Biometano, dall’Ue via libera all’estensione degli incentivi
    Gli incentivi al biometano finanziati dal PNRR saranno estesi anche al revamping degli impianti biogas da forsu. Lo prevedono le modifiche al PNRR approvate da Bruxelles. Che spostano dal 31 dicembre di quest’anno al giugno 2025 l’obiettivo dei 600 milioni di metri cubi di nuova produzione. In arrivo anche la riforma dei costi di connessione, prevista al capitolo REPowerEu
  • Biometano, nuovo flop degli incentivi PNRR
    La nuova tranche degli incentivi PNRR al biometano ha assegnato meno di un quarto del coefficiente disponibile. In vista della nuova gara si spera nella clausola anti-inflazione
  • Imballaggi, dal Parlamento Ue ok alle deroghe ‘salva monouso’
    Il Parlamento europeo ha adottato la propria posizione negoziale sul regolamento imballaggi: ridimensionate le ambizioni di Bruxelles sul riutilizzo, con l’introduzione di una serie di deroghe per gli operatori che dimostrino di poter garantire livelli elevati di raccolta differenziata e riciclo degli imballaggi monouso. Pichetto: “Segnale molto importante”
  • Energia, EDP e Draxton siglano un’intesa per la transizione ecologica
    Siglata l’intesa tra il colosso energetico EDP e la multinazionale della componentistica per auto Draxton con l’obiettivo di aumentare la produzione di energia rinnovabile e sviluppare soluzioni innovative per la transizione ecologica
  • Riciclo, Assoambiente: “Serve un ‘Whatever it Takes’ per sostenere il mercato”
    L’industria italiana del riciclo si conferma ai vertici in Europa, ma il mercato delle materie prime seconde non tiene il passo spiega l’ultimo rapporto ‘L’Italia che ricicla” di Assoambiente. Che chiede un ‘Whatever it takes’ per rilanciare la domanda di materia riciclata
  • Roma, dall’energia alla CCS: cosa prevede il progetto del termovalorizzatore
    Pubblicato il bando per la realizzazione del termovalorizzatore di Roma, che sarà affiancato da un impianto di cattura della CO2 e da una linea di trattamento delle ceneri pesanti. Brandolini: “Impianto fondamentale verso obiettivi europei al 2035”
  • Parlamento e Consiglio Ue chiedono lo stop all’export di rifiuti in plastica verso i paesi non-OCSE
    Raggiunta l’intesa sulla riforma del regolamento europeo sulle spedizioni di rifiuti: Parlamento e Consiglio Ue chiedono lo stop all’invio di scarti di plastica non pericolosi verso i paesi non-OCSE. Stop anche all’invio di rifiuti destinati allo smaltimento tra Stati dell’Ue
  • Tracciabilità dei rifiuti, test RenTRi al via da gennaio 2024
    La costruzione del nuovo sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti è al rush finale: entro il 12 dicembre il Ministero dell’Ambiente punta a chiudere il dossier con le istruzioni di compilazione dei nuovi registri e formulari digitali, per avviare i test a partire da gennaio 2024
  • Rifiuti, gli impianti di trattamento hanno un problema con gli stoccaggi
    Stando alla prima relazione sui controlli negli impianti di trattamento rifiuti, meno del 50% delle ispezioni ha restituito piena conformità amministrativa e penale. Su quest’ultimo fronte pesano soprattutto le irregolarità legate agli stoccaggi. Anche per la difficoltà di collocazione di scarti e materiali riciclati. Frittelloni: “Tema da approfondire con gli operatori”
  • Nucleare, il deposito nazionale potrebbe non arrivare prima del 2032
    Ascoltato dalla commissione ecomafie, il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin ha detto che il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi potrebbe non entrare in esercizio prima del 2032, chiarendo che l’obiettivo resta quello di accelerare i tempi puntando sulle autocandidature. Un’ipotesi che ha incassato il plauso di ENEA, ISIN e SOGIN
  • Materie prime critiche, Consiglio e Parlamento Ue chiedono un target di riciclo del 25% al 2030
    Consiglio e Parlamento Ue hanno raggiunto l’intesa provvisoria sul Critical Raw Materials Act: chiesta l’estensione dello status di materia strategica anche all’alluminio e rivisto al rialzo il target di riciclo proposto dalla Commissione, che passa dal 15% al 25% e dovrà essere raggiunto entro il 2030
  • Imballaggi, dal riciclo un risparmio di materia per 2 miliardi di euro
    Nel 2022 il sistema italiano ha riciclato il 71,5% degli imballaggi immessi a consumo, generando benefici economici per più di 3 miliardi di euro. Capuano: “Antidoto a crisi climatica ed energetica”. D’Aprile: “Su regolamento Ue chiediamo la massima flessibilità”
  • Rifiuti, in Italia troppa discarica e poco recupero energetico
    Secondo uno studio di Assoambiente, nel 2021 avremmo potuto trasformare in energia almeno 5,2 milioni di tonnellate di scarti non riciclabili. E invece per mancanza di impianti di recupero li abbiamo smaltiti in discarica o spediti all’estero. Testa: “Senza questa rete di impianti lo stesso riciclo entra in crisi”
  • Fiscalità verde: in manovra nessuno spazio per riforma di sussidi dannosi e ecotassa
    Nessuno spazio in manovra per l’annunciata revisione della fiscalità ambientale: sfuma la riforma dell’ecotassa e dei SAD prevista per fine anno. La sola abolizione dell’IVA agevolata sullo smaltimento in discarica potrebbe generare un tesoretto da 700 milioni di euro, ma la misura è destinata a restare fuori dalla proposta di bilancio, blindata per volere del governo
  • Dal Molise alla Grecia: ecco le rotte del turismo dei rifiuti urbani
    Tra organico e indifferenziato, nel 2021 quasi 3,5 milioni di tonnellate di rifiuti urbani sono statI trattatI fuori dalla Regione di produzione o all’estero. Campania e Lazio prime per quantità esportate, ma in classifica c’è anche l’Abruzzo
  • Impianti e governance: i ritardi della transizione al Sud secondo le utility
    Nelle regioni del Mezzogiorno le imprese dei servizi idrici, energetici e ambientali generano 10 miliardi di valore aggiunto, dice l’ultimo rapporto di Svimez e Utilitalia. Su fronti come idrico e rifiuti, però, resta da colmare il service divide in termini di infrastrutture e governance
  • Depurazione, passi in avanti per uscire dall’emergenza
    Restano quasi mille gli agglomerati oggetto delle quattro procedure europee d’infrazione ai danni dell’Italia per la cattiva depurazione. Perillo: “Ancora 25 milioni di abitanti non serviti da sistemi adeguati”. Tra le regioni più interessate la Campania, che negli ultimi anni ha messo in campo risorse e progetti. Come quello per il revamping dell’impianto di Cuma, tra i più grandi in Italia
  • Imballaggi, tra nuove messe al bando e i dubbi sul riuso
    Tra nuove messe al bando, vincoli al riciclo e dubbi sul riuso: le reazioni dell’industria al primo voto al Parlamento Ue sul regolamento imballaggi
  • Carta, boom dell’export di macero: +99,9% nei primi sei mesi del 2023
    Nel 2022 le imprese del riciclo della carta hanno prodotto 6,6 milioni di tonnellate di maceri, in calo del 6% per effetto della congiuntura economica negativa. In flessione anche i prezzi della carta da macero, crollati del 72%, ma le imprese tengono botta grazie alle esportazioni. Che nei primi sei mesi del 2023 sono raddoppiate. UNIRIMA: “Evitare che i regolamenti europei impattino su un settore d’eccellenza”
  • Imballaggi, in commissione ENVI prevale il fronte tra verdi e sinistra
    La commissione ENVI del Parlamento Ue ha approvato la relazione con le proposte di modifica allo schema di regolamento sugli imballaggi. Il fronte verdi e sinistra strappa la maggioranza sui passaggi più delicati. Sì a target di riuso per bevande, ma non per i cibi da asporto. Raccolta differenziata degli imballaggi al 90% entro il 2029. Via libera anche all’introduzione di sistemi DRS per bottiglie e lattine, con un’esenzione per gli Stati membri che abbiano raggiunto l’85% di intercettazione
  • Imballaggi, è battaglia sulla plastica riciclata. Le imprese del waste: “No a clausole di prelazione”
    A poche ore dal voto della commissione ambiente del parlamento europeo sul regolamento imballaggi, si riaccende il tira e molla tra produttori e riciclatori di plastica. Le imprese del waste management tornano a bocciare ogni forma di clausola di prelazione per garantire ai produttori di packaging l’accesso prioritario ai polimeri riciclati. “Non c’è allarme scarsità”, scrivono in una nota Plastics Recyclers Europe, EuRIC e Fead
  • Depurazione, Perillo: “Giusto dare poteri di deroga al commissario”
    L’infinita emergenza depurazione in Italia. Parla il presidente dell’Associazione Idrotecnica Italiana Giovanni Perillo: “Le normali procedure non sono riuscite a risolvere il problema”, dice. E sul commissario di governo sottolinea : “Senza poteri di deroga un commissariato non ha motivo di esistere”
  • Rifiuti edili, Bressi eletto vice presidente di ECDB
    Il direttore tecnico di ANPAR Giorgio Bressi è stato nominato vice presidente di ECDB, ramo di EuRIC dedicato agli operatori dei rifiuti da costruzione e demolizione. Tra i temi in agenda anche l’adozione del decreto end of waste europeo
  • Depurazione, il commissario Fatuzzo: “Il governo ci dia poteri di deroga”
    Il nuovo commissario di governo alla depurazione Fabio Fatuzzo chiede al governo poteri di deroga per accorciare i tempi burocratici degli interventi sugli agglomerati oggetto delle procedure d’infrazione europea. I ritardi, avverte, hanno fatto lievitare i costi. “Manca un miliardo di euro”, dice
  • Nasce il canale WhatsApp di Ricicla.tv
    La nostra testata sbarca su WhatsApp con un canale che renderà disponibili in tempo reale tutte le novità dell’offerta editoriale di Ricicla.tv e Ricicla News. Paone: “Siamo sempre più vicini al nostro pubblico di lettori”
  • Imballaggi, Eurostat conferma il primato italiano: nel 2021 riciclo al 73%
    Secondo Eurostat nel 2021 l’Italia ha avviato a nuova vita il 72,9% dei rifiuti da imballaggio, superando l’obiettivo al 2030. Centrati con nove anni d’anticipo anche quasi tutti i target specifici per le varie filiere. In flessione il riciclo dell’acciaio
  • Imballaggi in plastica, in 25 anni il riciclo è quadruplicato
    Nel 2022 abbiamo riciclato oltre un milione di imballaggi in plastica. Il contributo di Corepla ha garantito un taglio di quasi 900mila tonnellate di CO2 e risparmi energetici per 11mila GWh. In crescita anche il riciclo chimico. Cassuti: “Contrastare i falsi pregiudizi”. D’Aprile: “Su regolamento imballaggi importanti aperture dagli altri Stati membri”
  • Raee, ecco dove finiscono quelli che sfuggono alla filiera nazionale
    Un’indagine di Erion e Altroconsumo ha seguito i rifiuti elettrici dopo il primo conferimento da parte dei cittadini: il 23,5% del campione è sfuggito al sistema ufficiale, arrivando addirittura all’estero. Come un notebook partito da un’isola ecologica e finito via mare in un’acciaieria egiziana
  • Responsabile tecnico, verifiche straordinarie fino al 15 aprile
    Terminato ieri il periodo transitorio per i responsabili tecnici, ufficialmente decaduti dall’incarico i soggetti che non abbiano rinnovato l’idoneità. Dopo l’estensione del periodo ‘cuscinetto’ per le imprese rimaste scoperte, l’Albo Nazionale Gestori Ambientali proroga anche il termine per l’introduzione di sessioni d’esame straordinarie
  • Rifiuti tessili, a Ecomondo UNIRAU e ARIU raccontano le eccellenze dell’economia circolare
    A Ecomondo uno stand per conoscere da vicino la filiera del recupero dei rifiuti tessili urbani. Lo animeranno UNIRAU e ARIU, con vere e proprie visite guidate per fare chiarezza sul presente e sul futuro di un comparto chiave dell’economia circolare italiana
  • Acque reflue, gli Stati membri frenano le ambizioni di Bruxelles
    Il Consiglio Ue ha adottato la propria posizione negoziale sulla revisione della direttiva acque reflue, chiedendo obiettivi più flessibili per gli Stati membri. Piena intesa, invece, sull’istituzione di un sistema di responsabilità estesa per produttori di cosmetici e farmaci. Ora via ai negoziati